News
il Consiglio Comunale dei ragazzi - Saturday, 18 October 2014 13:00
IL GAL DELTA 2000 - Saturday, 18 October 2014 13:07
DA SABATO 18 OTTOBRE IN VENDITA I BIGLIETTI - Saturday, 18 October 2014 12:55
Combat Game a Estensi e Portogaribaldi - Thursday, 28 August 2014 07:43
Contest Instagram - Sagra dell'Anguilla 2014 - Wednesday, 17 September 2014 05:37

Ordinanza balneare comunale 2013

Vista la Legge Regionale 31 Maggio 2002 n° 9 recante "Disciplina dell'esercizio delle funzioni amministrative in materia di demanio marittimo e di zone del mare territoriale;

 

COMUNE DI COMACCHIO

Provincia di Ferrara
Settore Ambiente e Patrimonio
Servizio Demanio

ORDINANZA BALNEARE COMUNALE ANNO 2013

Vista la deliberazione del Consiglio Regionale n° 468 del 06 Marzo 2003 recante "Direttive per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di demanio marittimo. e di zone del mare territoriale ai sensi dell'art. 2 comma 2° della L.R. n? 9/2002" ed in particolare il Paragrafo 3.1.1.;

Vista' l'Ordinanza Balneare Regionale n° 1/2013, approvata con determinazione del Responsabile del Servizio Turismo e Qualità Aree Turistiche nO2506 del 18.03.2013, con la quale è stato disciplinato l'esercizio dell'attività balneare e l'uso del demanio marittimo e delle zone di mare territoriale, conformemente alla normativa vigente, nell'ambito del litorale marittimo comprendente il territorio costiero dei Comuni di Goro, Codigoro, Comacchio, Ravenna, Cervia, Cesenatico, Gatteo, Svignano sul Rubicone, San Mauro Pascoli, Bellaria-Igea Marina, Rimini, Riccione, Misano Adriatico, Cattolica;

Dato atto che gli artt. 1 punto 5, art. 3 punto 1 lett. f), art. 4 punto 1 lett. c), e), j), art. 5 lett. c) punti 4 e art. 6 punto 1, della richiamata Ordinanza Regionale prevedono la possibilità, per le Amministrazioni comunali competenti per territorio, rispetto ai sopraccitati punti, una diversa disciplina della materia;

Ritenuto pertanto opportuno procedere all'integrazione dell'Ordinanza Balneare Regionale n1/2013, nei limiti della stessa previsti, definendo la metodologia di gestione delle attività nel tratto di costa compreso tra il Lido di Volano e il Lido di Spina, ai fini della tutela ambientale, igienica e di sicurezza pubblica;

Richiamata l'Ordinanza Sindacale n? 61 del 13.02.2003 recante la disciplina in materia di "Ospitalità di animali domestici in spiaggia" e fatte salve le disposizioni comunali in materia di orari per gli stabilimenti balneari per l'anno 2013;

Richiamato altresì il Regolamento Comunale per il Commercio su Aree Pubbliche approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 156 del 26/11/2009, esecutivo ai sensi di legge, che fa divieto di esercitare l'attività di commercio ambulante sulla fascia costiera demaniale;

Richiamato altresì il Regolamento Comunale per l'esercizio delle attività di somministrazione di alimenti e bevande e il Regolamento per l'esercizio delle attività di stabilimento balenare approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 17 de127/03/2013;

Viste le Ordinanze dall'Ufficio Circondariale Marittimo Guardia Costiera di Porto Garibaldi, n. 26/07 del 31/05/2007 e n. 38/2009 del 12/08/2009, riguardanti rispettivamente il regolamento sulla circolazione delle unità da diporto e sulle attività subacquee e gli aspetti il noleggio e locazione natanti da diporto per finalità ricreative o per usi turistici;

Richiamata la delibera di Giunta Provinciale di Ferrara n? 277 PROT. GEN. 96505/2013 del 11/12/2012 "Individuazione delle zone marine della Provincia di Ferrara idonee alla balneazione per la stagione 2013 ai sensi del D.P.R. 470/82 art. 4 comma 1° lett. b) e s.m.i.;

Visto il Codice della Navigazione, con particolare riferimento agli artt. 28,30, 1161 e 1164 ed il relativo Regolamento di Esecuzione con particolare riferimento agli artt. 27, 28, e 59;

Visto il D.Lgs. N° 267/2000 ''Testo Unico delle leggi sull'ordinamento degli Enti Locali" ed in particolare l'art. 107 "Funzioni e responsabilità della dirigenza";

Visto lo Statuto Comunale;

Preso atto dell'Ordinanza di sicurezza balneare n. 9/2013 emessa dall'Ufficio Circondariale Marittimo Guardia Costiera di Porto Garibaldi;

Sentite le associazioni di categoria appartenenti alle Organizzazioni Sindacali più rappresentative del settore turistico dei concessionari demaniali marittimi e dei lavoratori, per quanto di rispettiva competenza;

ORDINA

Ad integrazione dell'Ordinanza Balneare Regionale n° 1/2013 e con riferimento alle disposizioni artt. 1 punto 5, art. 3 punto 1 lett. f), art. 4 punto 1 lett. c), e), j), art. 5 lett. c) punti 4 e art. 6 punto 1, di osservare i sotto elencati comportamenti:

ART.1 

Punto 5
Divieti di accesso in spiaggia durante le ore notturne Nelle ore di chiusura notturna dello stabilimento balneare è vietato agli estranei permanere nelle aree in concessione dedicate all'ombreggio ed alle attrezzature di spiaggia.

ART. 3

Punto 1 - lett. f)
Divieti di balneazione
L'ampiezza della zona di mare riservata alla balneazione è fissata in metri 300 di distanza dalla riva, salvo i divieti di cui all'art. 3 dell'Ordinanza Balneare Regionale n? 1/2013. E' vietata la balneazione, per motivi di pubblica sicurezza, in considerazione della natura dei fondali, in tutto il Canale Logonovo e alla foce - ambo i lati di Lido degli Estensi e Lido di Spina - per un raggio di metri 50 (cinquanta), è vietata altresì la balneazione nel canale navigabile submarino di accesso al porto di Goro per il Lido di Volano.

Si vieta la balneazione oltre alle barriere frangiflutti presenti nei Lidi di Porto Garibaldi, Scacchi, Pomposa e Nazioni, detto divieto però non riduce in alcun modo l'ampiezza della zona di mare riservata alla balneazione e pertanto inibita alla navigazione.

ART. 4

Punto 1 - lett. c)
Fascia di spiaggia destinata al libero transito
La fascia di spiaggia (battigia) destinata esclusivamente al libero transito con divieto di permanenza, ad eccezione dei mezzi di soccorso, è fissata in minimo metri 3 (tre) nelle zone dei Lidi di Volano, delle Nazioni, di Pomposa e degli Scacchi, in quanto aree soggette a fenomeni di forte erosione, ed in minimo metri 5 (cinque) nelle restanti zone balneari.

Punto 1 - lett. e)
Locatori di imbarcazioni - ombreggio
I concessionari per l'attività di locazione di imbarcazioni e natanti, possono provvedere alla sostituzione degli ombrelloni utilizzati esclusivamente per lo svolgimento dell'attività di che trattasi, con gazebo aperti, uno per ogni punto di noleggio, purché le loro dimensioni non superino i 10 mq.

Punto 1 - lett. j)
Accesso degli animali
E' vietato condurre o far permanere sulla spiaggia qualsiasi tipo di animale, anche se munito di museruola o guinzaglio, ivi compresi quelli utilizzati dai fotografi o cine-operatori, fatto salvo quanto previsto all'art. 4 punto 1 lett. j) dell'Ordinanza Balneare Regionale n" 1/2013 e quanto disciplinato con 'Ordinanza Comunale n° 61 del 13.02.2003 in materia di ospitalità di animali domestici in spiaggia nei tratti di arenile in concessione, stabilendo che le aree individuate dovranno essere opportunamente delimitate, attrezzate, segnalate e autorizzate da parte del Comune di Comacchio e dalle autorità competenti sotto il profilo igienico-sanitario e comunicate al Servizio Turismo e Qualità Aree Turistiche della Regione.

Un tratto di spiaggia libera adiacente al Canale Logonovo, da individuarsi, sul versante Lido degli Estensi ovvero Lido di Spina, potrà essere destinato ad attività di prevenzione, controllo, scuola ed educazione cinofila da effettuarsi a. mezzo di unità cinofile e ciò durante la vigente stagione balneare.

Tali aree sono riservate esclusivamente alle Associazioni di Volontariato che ne facciano richiesta e successivamente autorizzate dal Comune di Comacchio, purché dimostrino una capacità operativa adeguata all'attività da realizzare e di essere in grado di cooperare con l'Ente Pubblico nell'assolvimento dei compiti di loro competenza. Tali Associazioni potranno accedervi con le proprie unità cinofile allo scopo di preparare tali unità al brevetto di salvataggio in mare e contestualmente fare opera di prevenzione e controllo in questi tratti di spiaggia molto pericolosi. L'area dovrà essere appositamente delimitata, esclusivamente nelle giornate autorizzate, con paletti di colore rosso uniti tra loro con una catena o cima di colore arancione ed attrezzata con le indicazioni dell'orario di utilizzo. La pulizia dell'area sarà a carico dell'Associazione di Volontariato .

ART. 5

Lettera C Punto 4)
Forme di segnalazione
BANDIERA GIALLA - Indicante misure di sicurezza in presenza di, raffiche di vento. Tale condizione comporta le seguenti prescrizioni: Chiusura degli ombrelloni nel caso in cui 'questi ultimi non siano dotati dei dispositivi di ancoraggio previsti;

Divieto di allontanarsi dalla battigia verso il mare con materassini, canotti, salvagenti e gonfiabili in genere;

Divieto di noleggio di pedalò ed imbarcazioni a remi (piccoli natanti).

L'esposizione della bandiera gialla, dovrà sempre essere abbinata all'esposizione della bandiera rossa o bianca al fine di rispettare l'Ordinanza di sicurezza balneare n. 9/2013 emessa dall'Ufficio Circondariale Marittimo Guardia Costiera di Porto Garibaldi.

Lettera C punto 1 e 6
Svolgimento del servizio di salvataggio

I servizi di soccorso e salvataggio, svolti sia in forma individuale che mediante piani collettivi di salvataggio, sono assicurati dal 25 Maggio al 15

Settembre, giornalmente cosi programmati:

Maggio/Giugno/Settembre dalle ore 09,30 alle ore 18,30

Luglio/Agosto dalle ore 09,30 alle ore 19,00

La disattivazione totale del servizio di salvataggio è consentita per la consumazione del pasto e per il recupero psico- fisico degli addetti al salvamento, secondo il seguente orario:

Maggio/Giugno/Settembre dalle ore 13,00 alle ore 14,30

Luglio/Agosto dalle ore 13,00 alle ore 15,00.

Il corridoio di arenile fronte mare antistante le postazioni di salvataggio deve essere lasciato obbligatoriamente libero da ogni impedimento all'accesso al mare.

Il salvamento per le piscine regolarmente posizionate all'interno delle aree concessionate è disciplinato dalla Delibera di Giunta Regionale n. 1092/2005 e dal vigente Regolamento Comunale di Igiene Pubblica CE Titolare dello stabilimento 'balneare può assumere personalmente l'incarico di responsabile della piscina, addetto agli impianti tecnologici e assistente bagnanti. La presenza dell'assistente bagnante può non essere obbligatoria 'nelle strutture ricettive ad uso esclusivo degli ospiti e dei clienti della struttura stessa, purché in presenza delle seguenti condizioni:

- piscina con vasca inferiore a 100 mq e profondità non superiore a 140 cm;

- almeno due lati del bordo vasca libero da ostacoli;

- vigilanza adeguata anche con idonei sistemi di controllo e/o di allarme da postazione presidiata; nel caso in cui la vigilanza non sia continuativa i frequentatori devono essere informati; negli orari di chiusura vanno adottati accorgimenti idonei ad impedire agli utenti l'accesso alla piscina. "

- presenza di personale addetto ad, interventi di pronto soccorso, debitamente formato secondo quanto prevede la normativa vigente, prontamente disponibile durante le ore di apertura della piscina.

Nelle piscine rientranti nelle condizioni sopra riportate e che non hanno l'assistente bagnanti, le modalità organizzative della vigilanza e le procedure di intervento devono essere indicate nel piano di autocontrollo).

ART. 6

Disciplina del commercio e delle scuole di vela e di nuovo

Fatto salvo quanto prevedono le normative riguardanti la regolamentazione del Commercio e delle Scuole di Vela e di Nuoto, in premessa richiamate, è posto l'obbligo al titolare di attività di scuola di nuoto, vela, ginnastica in 'acqua o similari di munirsi di polizza assicurativa R.C.T .

Le infrazioni saranno punite, salvo che il fatto non costituisca reato, con le sanzioni amministrative previste dal Codice della Navigazione, art. 1164, commi l e 2, di cui proventi e ricorsi al Sindaco del Comune di Comacchio.

AVVERTE

Che contro il presente provvedimento è ammesso ricorso al T.A.R. della Regione Emilia Romagna entro il termine di 60 (sessanta) giorni dall'avvenuta pubblicazione, ovvero ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro il termine 120 (centoventi) giorni. 

E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservare e far osservare la presente Ordinanza.

Additional Info

Read 970 times
Rate this item
(0 votes)
Published in Varie
Super User

Info 328 7564328

Website: comacchio.it
Halloween Eventi
Eventi  Carnevale di Comacchio

Informazioni


Qui la tua offerta (328 7564328)

Residence Leonardo

  Resta connesso con

Aziende



Soggiorno



Connessi

We have 31 guests and no members online

Immobili


Qui la tua offerta (328 7564328)

Collegati con noi

Foto e video articoli

Comune di Comacchio
Emilia Romagna Ferrara Terra e Acqua Delta2000 Comacchio Turismo Associazione l'Alba Consorzio Lido degli Estensi Consorzio Lido delle Nazioni Consorzio Vivispina Consorzio dei Lidi Pomposa e Scacchi Consorzio di Comacchio Cooperativa Stabilimenti Balneari Volano

Style Setting

Fonts

Layouts

Direction

Template Widths

px  %

px  %